Animali

Una donna incinta può vivere con un gatto?

Di Karen Weintraub, 15 giugno 2017

Quanto dovrebbero preoccuparsi i proprietari di gatti per il parassita? Toxoplasma gondii, specialmente quando ci sono bambini?

Le uniche persone a rischio per il Toxoplasma gondii sono donne in gravidanza che non sono state precedentemente infettate, bambini di età inferiore a 6 mesi e qualsiasi membro della famiglia il cui sistema immunitario è stato indebolito dal trattamento del cancro, dalla terapia di trapianto o da un'infezione come l'HIV.

Circa il 20 percento della popolazione americana è infettata da Toxoplasma gondii, un parassita che può infettare gli uccelli e la maggior parte degli altri animali, ma si riproduce solo sessualmente nei gatti. Il parassita rimane generalmente inattivo nelle persone dopo i primi giorni di sintomi lievi simili a quelli dell'influenza, ha affermato Michael Grigg, ricercatore presso il National Institute of Allergy and Malattie infettive negli Stati Uniti. Se viene attivato il parassita, che causerebbe la malattia nota come toxoplasmosi, potrebbe causare problemi neurologici, come convulsioni.

Il bellissimo e complesso Bogotá: guida per i viaggiatori alle prime armi

"È probabilmente il parassita di maggior successo del pianeta", ha detto Grigg, ma se si dispone di un sistema immunitario funzionale, "praticamente non si ha nulla di cui preoccuparsi".

Una donna precedentemente infetta che rimane incinta non avrà problemi perché il suo sistema immunitario manterrà l'infezione contenuta, ha affermato Rima McLeod, direttrice del Centro di Toxoplasmosi dell'Università di Chicago. Trasmetterà quell'immunità al feto.

Tuttavia, se una donna viene infettata per la prima volta durante la gravidanza che interesserà la placenta, Grigg ha detto, che potrebbe causare morte fetale, morte durante il parto o problemi con il neonato, tra cui testa allungata, deficit cognitivi e quasi con Certezza, problemi agli occhi. Anche i neonati di madri senza precedenti infezioni sono vulnerabili al parassita.

"Può essere una grave infezione", ha affermato McLeod, che è anche professore di oftalmologia e pediatria all'Università di Chicago. “Può causare una malattia devastante nei bambini, con gravi conseguenze per loro alla nascita e anche in seguito durante la loro vita. Può avere conseguenze per loro e le loro famiglie, per tutta la vita. "

Ci sono precauzioni che possono avere le donne in gravidanza. Se un test durante i primi mesi di gravidanza mostra che non è stata precedentemente infettata, dovrebbe evitare di pulire la sabbiera del gatto e chiedere a qualcuno di farlo ogni giorno con acqua bollente per disinfettare la scatola, dice McLeod.

"Se riescono a tenere il gatto all'interno della casa durante la gravidanza e dargli da mangiare con carne in scatola che viene cotta, non devono preoccuparsi", ha detto. "Il gatto che è un problema è il cacciatore selvaggio o quello che si nutre di carne cruda."

Un gatto o un gattino gravemente infetto può espellere in circa due settimane circa 500 milioni di ovociti - la forma contagiosa del parassita - che possono rimanere contagiosi nel suolo e nell'acqua fino a un anno, ha affermato McLeod. Una persona può essere infettata anche da uno di quegli ovociti. "È un sistema di diffusione sorprendentemente efficace", ha detto.

Esistono altri metodi di contagio oltre al contatto diretto con i gatti, tra cui mangiare carne cruda o frutta e verdura non lavate, bere acqua non filtrata, lasciare nudi sandbox (dove i gatti defecano) o giardinaggio senza guanti.

"In tutti i casi, le donne in gravidanza dovrebbero essere monitorate mensilmente dai loro ginecologi perché c'è un sacco di rischio nell'ambiente", ha detto McLeod. I trattamenti possono impedire al parassita di danneggiarlo, ha detto, ma non può essere completamente eliminato. Vaccini e trattamenti curativi sono in fase di sviluppo e McLeod spera che un giorno Toxoplasma gondii Non è più una minaccia per le donne in gravidanza, i bambini o coloro i cui sistemi immunitari sono compromessi.

I gatti sono incompatibili con la gravidanza?

Sei mai andato in maternità per vedere un neonato con un regalo per il bambino e un pacchetto di prosciutto iberico per la madre? Io e i miei amici lo abbiamo già fatto diverse volte e ci siamo divertiti da bambini a guardare come la nuova madre si è ripresa dal travaglio, leccando lo spuntino più desiderato durante la gravidanza: il prosciutto.

Sebbene il cioccolato non abbia perso rilevanza come dono nelle visite di maternità, l'ostetrica della mia amica ci ha detto che ciò che è senza dubbio sempre più alla moda è dare razioni di prosciutto iberico, perché grazie ai controlli di Qualità, ci sono sempre meno donne che hanno subito la toxoplasmosi prima di rimanere incinta mangiando salsicce o carne poco cotta.

Toxoplasmosi in gravidanza

Vivere con gli animali, in particolare i gatti, è un altro fattore di rischio quando si contrae la malattia durante la gravidanza. I gatti sono i principali trasmettitori di toxoplasmosi e si contraggono quando mangiano carne infetta. Per questo motivo, se sei incinta e hai un gatto, devi farlo evitare di pulire le scatole in cui il gatto deposita le feci e fa il giardinaggio senza guanti, poiché i parassiti delle loro feci possono muoversi con il vento e depositarsi in altri luoghi vicini.

Con adeguate misure igieniche è difficile essere infettati, ma molte future mamme hanno tanta paura per la salute del loro futuro bambino lungo la strada, che scelgono di sbarazzarsi del loro gattino. Tuttavia, prima di pensare di rinunciare al gatto, controlla con i risultati delle tue analisi che non hai davvero superato la toxoplasmosi. E se è così, pensa al tuo gatto e anche a tutti i passi che dovresti prendere per evitare di contrarre la malattia.

Ed è quello La toxoplasmosi non viene trasmessa solo dai gattiil Toxoplasma gondii Può anche essere in verdure, frutta, legumi, salsicce e carne cruda. Quindi, presta attenzione alle tue insalate! Prima di mangiare un piatto rinfrescante di lattuga e pomodoro, assicurati di lavare accuratamente con una sola goccia di candeggina, tutte le foglie e il pomodoro intero, la frutta deve sempre essere sbucciata e le salsicce devono essere parcheggiate fino a dopo la consegna.

Quindi non mi sorprende che dopo otto mesi senza provare una fetta di salsiccia, un pizzico di filetto o un berretto di prosciutto serrano, il mio amico e la mia nuova mamma ci abbiano ringraziato mille volte per quella porzione di prosciutto, che Conosceva la gloria benedetta. "Mmmm, che delizioso!", Ha detto.

Molte persone ti avvertiranno dei rischi del tuo animale domestico per il tuo bambino, ma quanto sono veri? (Speciale)

Quando sei il felice responsabile di a gattino familiare e tu incinta, molte persone ti avvertiranno dei rischi che il gatto nasconde per te e per il tuo bambino, ma non fatevi prendere dal panico, perché in realtà ci sono miti e mezze verità Cosa dovresti sapere prima di vedere il tuo animale domestico con diffidenza.

Sono più puliti

la verità: I gatti sono animali domestici puliti, ma non smettono di essere sensibili alle malattie. Che tu sia incinta o no, è importante portarlo ai controlli veterinari, vaccinarlo e nutrirlo bene. I gatti domestici che non escono - o escono poco - all'estero, hanno un basso rischio di infettarsi.

Ti daranno la toxoplasmosi

Mezza verità: La toxoplasmosi è rischiosa per una donna incinta e sebbene un gatto infetto possa diffonderla, si stima che ne soffra solo il 2% della popolazione felina.

il toxoplasmosi È causato dal parassita Il Toxoplasma gondii presente anche negli animali da allevamento e nei prodotti di origine animale e vegetale contaminata, infatti, una forma molto comune di infezione è il consumo di carne cruda o poco cotta.

Nel caso dei gatti domestici, se viene infettato, l'infezione può essere evitata prendendo precauzioni come maneggiare le feci dell'animale con i guanti e non lasciarle esposte per più di 24 ore, in sostanza, mantenendo due volte la lettiera un giorno Se hai un gatto a casa, delega questa responsabilità a qualcun altro.

I gatti possono graffiare e danneggiare il tuo bambino

Mezza verità: Sono animali con istinto e ovviamente hanno il potenziale, ma non è che il loro unico scopo sia attaccare i bambini indifesi. Se il tuo gatto è equilibrato, sano e felice, la cosa più naturale è svegliare il suo istinto protettivo e accettare l'arrivo del tuo bambino nel nucleo familiare. Se cerchi su YouTube, ci sono molti gatti con atteggiamenti protettivi nei confronti di neonati e bambini.

Se ne hai di più dubbi e preoccupazioni di vivere con il tuo gatto, o i gatti di qualcun altro, durante la gravidanza, cConsultare il proprio medico o veterinario. In generale, è abbastanza sicuro vivere con un gatto sano e se c'è già un legame d'amore tra loro, ti godrai questo stadio molto di più.

Nutrire i bambini: a che età dovrei dare a mio figlio pesce?

Attualmente ne vediamo molti altri persone con animali domestici e, in effetti, più attenzione agli animali. Abbiamo avuto un parco nel distretto di Miraflores pieno di gatti e molte persone sono state incoraggiate ad avere un animale domestico. Inoltre, i servizi sanitari hanno fatto una campagna per mantenere sani gli animali domestici, quelli presunti da casa.

Ma che cura dovremmo prendere con i nostri animali domestici durante la gravidanza? Lo sappiamo ci sono molte malattie che possono essere trasmesse dagli animali, Nessuno è immune ed è importante sapere che il sistema immunitario della donna incinta è più vulnerabile in questo periodo e che, oltre ad essere un rischio per lei, mette anche a rischio il bambino.

Ci sono molte abitudini e abitudini delle persone che sono già abituate ad avere animali domestici, Non è lo stesso vivere con gli animali domestici in città che in campagna, non è lo stesso averli in una grande casa o con una disposizione del giardino, anche se è piccolo, o averli all'interno di un appartamento condividendo tutti gli spazi.

Non tutte le persone vengono coinvolte allo stesso modo con i loro animali domesticiCi sono molti a cui piace baciare i propri animali domestici, dar loro da mangiare per mano, dormire con gli animali domestici e molte attività che come persone ci rendono molto felici perché comprendiamo questa condivisione come un modo di dare e ricevere affetto.

Tuttavia, e tornando alle donne in gravidanza, questi comportamenti possono mettere a rischio la nostra salute e quella del bambino, una delle principali preoccupazioni delle donne in gravidanza è la malattia nota come "toxoplasmosi" che viene trasmesso dal gatto, anche se possiamo certamente essere infettati dal mangiare carne cruda, da una trasfusione di sangue contaminata o da un trapianto di organi, un tagliere mal lavato, acqua contaminata, cioè forme di contagio che non avremmo potuto immaginare e ciò potrebbe non accaderci mai, la verità è che i nostri amici sono anche gatti.

La malattia da toxoplasmosi non è cosa da poco, perché i problemi di salute che potrebbero avere origine nel feto sono a livello del sistema nervoso che possono essere riflessi danni agli occhi, danni alle orecchie, lesioni cutanee, basso peso alla nascita, nascere presto, tra gli altri. Sappiamo anche che prima il contagio è maggiore sarà il danno, i primi tre mesi di gestazione sono i più critici mentre il futuro bambino si sta formando.

Le raccomandazioni per i catlovers sono molta igiene, che un'altra persona manipoli e pulisca le feci degli animali domestici, abbia un ambiente ventilato, porti regolarmente il nostro animale domestico con il veterinario e mantenga una buona dieta in modo che il nostro sistema immunitario sia in buone condizioni.

Non è necessario, a meno che non ci sia un'indicazione dello specialista, che ci allontaniamo da quegli esseri che fanno parte della nostra famiglia e che è stato osservato che condividono anche armoniosamente tutto ciò che fa la loro famiglia, incluso vedere crescere i bambini e Trasmetti il ​​tuo affetto.

Una gravidanza e un parto felici richiedono la cura e la consulenza del vostro specialista, non esitate a usare il vostro ostetrico di fiducia.

Gli animali più puliti

I gatti, senza dubbio, sono gli animali più puliti Possono vivere con persone nella stessa casa. Questo è già un punto molto importante a tuo favore.

Gli esseri umani, anche i più puliti e più igienici, sono suscettibili di infettarsi l'un l'altro con malattie molto diverse. Allo stesso modo gli animali, anche i più puliti e meglio curati, sono in grado di diffondere malattie acquisite da più vie verso l'uomo. Detto questo, suona davvero male, ma quando lo spieghiamo nel giusto contesto, cioè in modo percentuale, la domanda viene chiarita.

È come se dicessimo che tutti i pianeti del pianeta possono cadere. Detto questo, suona davvero molto male, ma se spieghiamo che gli aeroplani sono il mezzo di trasporto più sicuro al mondo, racconteremo una realtà scientifica comprovata (anche se la prima teoria assurda non viene negata).

Qualcosa di simile accade con i gatti. È vero che possono trasmettere alcune malattie, ma la realtà è che diffondono molte persone meno malattierispetto ad altri animali domesticie anche molto meno dei disturbi che gli umani si trasmettono l'un l'altro.

Toxoplasmosi, la tematica della malattia>

La toxoplasmosi è una malattia molto grave che può causare danni al cervello e cecità ai feti delle donne in gravidanza infette. un po ' gatti (pochissimi)sono portatori di detta malattia, come molti altri animali domestici, animali da fattoria o altri materiali di origine animale e vegetale.

Tuttavia, la toxoplasmosi è una malattia che è trasmesso molto difficile. In particolare, le seguenti sono le uniche possibili forme di infezione:

  • Solo se le feci dell'animale vengono maneggiate senza guanti.
  • Solo se le feci superano le 24 ore dopo la deposizione.
  • Solo se le feci appartengono a un gatto infetto (2% della popolazione felina).

Nel caso in cui le forme di contagio non fossero abbastanza restrittive, la donna incinta dovrebbe anche portarsi le dita sporche in bocca, poiché può esserci contagio solo per ingestione del parassita Toxoplasma gondii, che è ciò che causa questa malattia.

In effetti, la toxoplasmosi è diffusa principalmente da ingestione di carne infetta Crudo o crudo. Possono anche essere diffusi ingerendo lattuga o altre verdure che sono state a contatto con cani, gatti o altri animali portatori di toxoplasmosi e non sono state lavate o cucinate bene prima di mangiarle.

Donne in gravidanza e peli di gatto

Peli di gatto produrre allergia alle donne in gravidanza Allergico ai gatti. Questa ragione perogrullesca cerca di dimostrare con un senso dell'umorismo che i peli di gatto producono allergie solo alle donne che erano allergici prima della gravidanza.

Secondo le stime, ci sono un totale dal 13% al 15% della popolazione allergica ai gatti. All'interno di questa gamma limitata di persone allergiche vi sono vari gradi di coinvolgimento. Dalle persone che producono starnuti solo se un gatto è in grembo (la stragrande maggioranza), a una minoranza di persone che possono causare attacchi di asma con la semplice presenza di un gatto nella stessa stanza.

Ovviamente, le donne con un grado molto elevato di coinvolgimento allergico nei gatti, se rimangono incinte, continueranno ad avere gravi problemi di allergia prima di un gatto. Ma si presume che nessuna donna molto allergica ai gatti, per rimanere incinta, decida di vivere con un gatto.

I gatti possono danneggiare il bambino

Questa stupida teoria che supera questo punto è negata dalla moltitudine di casi in cui i gatti hanno difeso i bambini piccoli, e non così piccolo, di aggressioni da parte di cani o altre persone. È esattamente il contrario: i gatti, e in particolare i gatti, sono molto consapevoli dei bambini piccoli e si preoccupano molto quando i piccoli si ammalano.

Ci sono stati persino casi in cui sono stati proprio i gatti a comunicare alle madri un evento accaduto ai loro bambini.

È vero che cani e gatti l'arrivo di un bambino a casa può creare confusione per alcune ore. Allo stesso modo in cui l'arrivo di un fratello può provocare una sensazione simile ai fratelli del neonato. Ma è una circostanza naturale e temporanea che presto scompare e si riprende la normalità familiare.

conclusioni

Immagino che dopo aver letto questo post, avrai concluso che lo è un gatto assolutamente innocuo Per una donna incinta.

L'unica misura preventiva adottata da una donna incinta se ha un gatto a casa sarà astenersi dal pulire la sabbiera del gatto senza guanti. Il marito, la moglie o qualsiasi altra persona in famiglia deve svolgere questa funzione durante il periodo di gravidanza della futura madre. Ma la donna incinta deve anche astenersi dal mangiare carne cruda e dovrà lavare molto bene le verdure per le insalate.

medici

È triste quello ci sono ancora dottori che raccomandano alle donne in gravidanza di esserlo sbarazzarsi dei tuoi gatti. Questi tipi di consigli assurdi sono un chiaro segno che il medico non è ben informato o addestrato. Perché ci sono molti studi medici sulla toxoplasmosi che colpiscono i vettori dell'infezione della malattia e i gatti sono uno dei più improbabili.

È come se il medico scoraggia una donna incinta dall'aereo, perché il dispositivo potrebbe bloccarsi. Assurdo.

Se vuoi leggere altri articoli simili a È male avere gatti durante la gravidanza?, ti consigliamo di entrare nella nostra sezione Curiosità del mondo animale.

Commenti (46) Aggiungi commento

SCOPRI IMMEDIATAMENTE SE VUOI VERAMENTE UN BAMBINO SANAO I GATTI POSSONO INFETTARE IL TUO BAMBINO DA UN BATTERI CHE SE TRASFERISCI LA PLACENTA E SE HAI DUBBI PENSATI ATTRAVERSO L'INTERNET MIGLIAMENTE MIGLIORA LA SALUTE DEL MIO BAMBINO CHE TROVERAI ORA È LA CURA DEL TUO BAMBINO IN OGNI SENSO

Il batterio chiamato toxoplasmosi ti colpisce solo se ingoia i suoi saggi. E se ci sono molte informazioni su Internet. ma l'importante è la fonte da cui proviene. anche se Jared dice ovviamente la cosa più importante è il bb :)

ma bene se lo farai al gatto. quindi non mangiare prosciutto o salsiccia o maiale o altro. Fai attenzione ai formaggi perché potrebbero non essere pastorizzati.

Anche così all'inizio della gravidanza ti mandano a fare studi per la toxoplasmosi. Chiunque può avere i batteri, non solo chi ha un gatto. chiedi al tuo doc : D

Qui ti passo informazioni da Internet. Ho studiato molto per circa 5 anni che ho avuto il mio primo gatto perché qui si dice che il semplice fatto di essere una donna gatti ti ferisca. menzogna.

Fonti di infezione

La fonte più frequente di infezione non sono gli animali da compagnia in quanto si ritiene erroneamente e continuano a diffondersi senza basi scientifiche.

La realtà è che la fonte attraverso la quale il parassita entra più spesso nell'uomo è attraverso il cibo contaminato: carne (se non cotta, poiché una grande percentuale è contaminata) e frutta e verdura scarsamente lavate.

Delle carni disponibili per il consumo sul mercato (o carni di selvaggina), una grande percentuale di tutte le specie è contaminata, quindi chiunque consuma carne ha (di fatto) consumato carne contaminata dal parassita. È anche possibile che maneggiando la carne contaminata con le mani, quando portato alla bocca, il parassita sia stato ingerito.

D'altra parte, una persona che consuma frutta e verdura con la frequenza necessaria, può consumarli senza un adeguato lavaggio per eliminare il parassita in qualche momento. Può anche essere consumato manipolato da terzi senza essere in grado di monitorare se il lavaggio è sufficiente (ad esempio, nei ristoranti).

L'ultima via di contagio si verifica in genere tra le persone che lavorano la terra con le mani, agricoltori o giardinaggio. Nel suolo il parassita è generalmente presente in grandi quantità. Una persona che manipola la terra a mani nude può introdurre tracce di sporco sotto le unghie. Nonostante lavarsi le mani con acqua e sapone, lo sporco può sempre rimanere sotto le unghie. Quindi, se ti metti le mani in bocca, è facile infettarsi da esso e / o altri parassiti. Se sei una persona che lavora sul campo, non devi lavarti le mani ogni volta che manipoli quella terra e in una svista (o per cattiva abitudine) puoi prenderti le mani senza lavarti la bocca.

Affinché un gatto produca feci infettive deve essere diffuso. Cioè, un gatto che non è infetto e vive in una casa senza accesso all'esterno e mangiando cibo o carne cotta, non può essere infettato e quindi non può infettare gli altri.

Se il gatto ha accesso all'esterno o è selvaggio o mangia carne cruda o caccia uccelli o topi e li mangia, allora può infettarsi.

Una volta infetto, incuba il parassita per un periodo compreso tra 3 e 20 giorni (in base al modo in cui viene ingerito, che determina la fase in cui si trova il parassita). Dopo e solo per un periodo di 1 mese, rilasciare le oocisti nelle feci. Successivamente, anche se viene nuovamente infettato, non rilascerà mai oocisti.

Perché queste feci con oocisti (ovociti) siano infettive, hanno bisogno di un tempo di esposizione all'ambiente tra le 24 e le 48 ore. Le persone normali che vivono con i gatti a casa spesso rimuovono le feci dalle sabbiere più frequentemente, impedendo a queste oocisti di maturare e diventare infettive. E quindi, è necessario un contatto molto intimo con queste feci per infettarsi da esse. È necessario mangiare le feci del gatto per infettarsi (qualcosa che fanno solo i bambini o le persone con malattie mentali) oppure manipolarle con le mani e senza mantenere le misure igieniche minime, portarle alla bocca. Ancora una volta citiamo le "persone normali" che se devi eseguire una pulizia di feci, gatti o animali, prova a lavarti le mani con acqua e sapone. Non solo il Toxoplasma Gondii può essere introdotto nel corpo in questo modo, ma anche altri parassiti, batteri e virus, molto più pericolosi e persino letali a volte come Escherichia coli.

Pertanto, qualsiasi persona che vive con un gatto o diversi come animali domestici, anche con accesso all'esterno e fino a quando a volte non mangiano animali crudi cacciati da loro (cioè gatti a rischio di essere infettati dal parassita), con la misura più semplice di Possibile igiene (lavaggio delle mani dopo aver pulito la sandbox o indossando guanti), evitare di essere infettati dal temuto Toxoplasma.


È noto che il parassita attraversa la placenta e può essere trasmesso al feto, se la madre viene infettata per la prima volta durante la gravidanza. Se l'infezione si è verificata prima di rimanere incinta, il nuovo bambino non può essere infettato. Il rischio è inferiore se l'infezione si è verificata nelle ultime settimane di gravidanza. Con una frequenza molto inferiore, il parassita può essere trasmesso mediante trasfusione di sangue o trapianto di organi.

Nei casi in cui viene rilevato che una donna incinta è stata infettata dal parassita, ci sono farmaci che possono aiutare a fermare l'infezione per prevenire danni al feto.