Animali

Malattie del parrocchetto australiano

File di animali: Parrocchetto

il parrocchetti australiani Sono stati a lungo uno degli uccelli da compagnia più comuni nelle nostre case e, sebbene la loro origine sia l'altra estremità del mondo, pochi possono dire che non sono mai entrati in una casa dove c'erano un paio di questi uccelli colorati.

Sebbene li associamo alla longevità e alla socievolezza, anche la vita in cattività prende il suo pedaggio, e sebbene sia sempre più comune trovarli come pazienti in cliniche veterinarie, compaiono anche più patologie dovute a una gestione impropria. Pertanto, in questo articolo di Animal Expert, proveremo a riassumere il malattie più comuni diparrocchetti australiani e come prevenirli, come parte fondamentale di un piano d'azione adeguato.

Sarna cnem>

Il genere acaro Cnemidocoptes è responsabile di questa malattia così comune nei parrocchetti autraliani, che causa ipercheratosi o ispessimento della pelle delle gambe e cera per becco.

Le proliferazioni cutanee danno la sensazione di "dita extra", come menzionato nell'articolo di Expert Animal sugli acari canarini, e possono deformare il becco dell'animale se progredisce senza trattamento.

Una raschiatura delle lesioni consente a questo acaro di essere osservato al microscopio, il che porta alla diagnosi insieme alle lesioni caratteristiche.

Come viene trattato?

il ivermectina È il trattamento più efficace e può essere somministrato per via intramuscolare, sottocutanea o persino orale. Nel caso in cui la scabbia sia molto localizzata, e nelle fasi iniziali, può essere applicata localmente, trasportata in un po 'di olio, come l'albero del tè, ma è difficile non superare la dose terapeutica in questo modo.

Si consiglia di ripetere dopo un paio di settimane e potrebbe anche essere necessaria una terza dose.

Carenza di iodio

La mancanza di iodio nella dieta può influenzare i parrocchetti che consumano esclusivamente semi poco vari, soprattutto quando la frazione più abbondante è il miglio. Il suo basso contributo di iodio in modo prolungato nel tempo provoca la mancanza di questo elemento fondamentale per sintetizzare gli ormoni tiroidei da parte della ghiandola tiroidea, cioè un ipotiroidismo secondario.

Questa ipertrofia ghiandolare nel tentativo di mantenere la produzione di ormoni tiroidei, causando il tipico rigonfiamento del collo noto come "gozzo". Possiamo notare il nodulo e segni come cambiamenti nella voce, difficoltà respiratoria o rigurgito del cibo, perché l'eccessiva crescita della tiroide provoca la compressione della trachea e dell'esofago.

Come può essere prevenuto?

Una dieta variata e in cui si evita che l'animale scelga ciò che gli piace di più è essenziale per prevenire lo sviluppo di questa malattia comune nei parrocchetti australiani. Alcune verdure contengono abbastanza iodio, quindi offrire all'animale questi alimenti due o tre volte alla settimana garantisce che questo problema non si verifichi, indipendentemente da una dieta equilibrata. il spinaci o lattugaPossono essere un alimento interessante se fornito due volte a settimana, rimuovendo l'eccesso dopo un po 'ed evitando gli abusi. Per ulteriori informazioni, non perdere l'elenco di frutta e verdura buono per i parrocchetti.

Infezione da Chlamydia psittaci Può essere subclinico, essendo i nostri portatori di parrocchetti senza sintomi, ma di solito si sviluppa in qualsiasi situazione di stress (sovraffollamento, cambiamento di ambiente, malattia, mancanza di igiene). Questo batterio viene escreto attraverso feci, urina, secrezioni naso-faringee e nasali e può generare portatori cronici che lo eliminano in modo intermittente e lo trasmettono all'ambiente, infettandone i congeneri.

Quali sono i sintomi della clamidia aviaria?

I segni respiratori e talvolta epatici saranno indicativi, insieme ad altri risultati, di questa infezione:

  • congiuntivite
  • Mancanza di respiro (mancanza di respiro, becco aperto)
  • Rumori respiratori
  • Biliverdinuria (feci verdi e urine, che indicano il coinvolgimento del fegato)
  • diarrea
  • Nei casi più gravi apatia, letargia e anoressia

diagnosi

Per la sua diagnosi, l'osservazione dei sintomi è combinata con test specifici, come un test sierologico in cui viene misurata l'elevazione delle immunoglobuline M o una tecnica di laboratorio chiamata PCR, che evidenzia il materiale genetico dei batteri presenti nelle feci e nell'essudato faringeo del parrocchetto.

fabbricazione campioni di sangue Di solito è molto utile, si può osservare un aumento dei leucociti e in biochimica i parametri epatici sono generalmente elevati. Non tutte le infezioni dovute a Chlamydia sono ugualmente seri, dipende dal serovar dei batteri (ci sono molte "razze" all'interno di ciò che conosciamo come Chlamydia) e spesso rimane un'infezione cronica sotto forma di problemi respiratori costanti, ad esempio.

trattamento

L'uso di doxiciclina, un antibiotico della famiglia delle tetracicline, è il trattamento più efficace noto per trattare questa malattia molto comune nei parrocchetti di autralian. Dovrebbe essere somministrato per circa 45 giorni, essendo in grado di utilizzare l'iniezione intramuscolare del composto per l'uomo, sebbene causi molti danni al tessuto (necrosi). È riservato ai casi gravi in ​​cui è richiesto un trattamento iniziale aggressivo. Tuttavia, se non c'è altro modo, puoi optare per un'iniezione di doxiciclina ogni 7 giorni, circa 7 settimane di fila nei muscoli pettorali.

La forma di trattamento di scelta è la via orale, direttamente al picco con lo sciroppo di doxiciclina, sebbene servirebbe ad aggiungere la polvere risultante dalla frantumazione di compresse di doxiciclina nella miscela di semi, usando un po 'di olio in modo che la polvere aderisca alla superficie di lo stesso

prevenzione

Evita lo stress, ambienti carichi e non igienici, sovraffollamento di uccelli e introduzione di nuovi individui senza quarantena o di provenienza sconosciuta, è essenziale. La pulizia è di nuovo l'alleato chiave a questo punto.

Ricorda che le persone che lavorano con gruppi di uccelli, veterinari o persone con un contatto intimo con i parrocchetti (proprietari di un grande gruppo), possono essere colpite da questo batterio, che è considerato una zoonosi.

Parassiti interni

La parassitosi interna non è comune nei nostri parrocchetti compagni, ma può essere osservata negli uccelli che vivono in discarica con terra e in grandi comunità.

  • Parassiti microscopici: come Giardiao coccidi possono influenzare i nostri parrocchetti, causando diarrea intermittente o acuta tipica, piumaggio delle fogne sporco, perdita di peso, apatia. Un esame delle feci al microscopio consente di osservare la Giardia o le forme riproduttive di CoccidiosRispettivamente. L'isolamento dell'animale malato, una completa disinfezione e il trattamento dell'uccello interessato con toltrazuril (coccidi) e metronidazolo o fenbendazolo (Giardia), oltre alla necessaria terapia di supporto, possono risolvere il problema se presi in tempo.
  • Parassiti macroscopici: Gli ascaridi possono essere i più frequenti nei parrocchetti, ma non è molto comune osservarli negli uccelli in cattività. Questi nematodi intestinali (nematodi) possono causare diarrea e perdita di peso, oltre a un piumaggio leggermente lucido e dall'aspetto sporco. Nell'esame microscopico delle feci è facile rilevare le loro uova e il trattamento con ivermectina o albendazolo o fenbendazolo è di solito un'opzione molto efficace.

Problemi riproduttivi

Come tutti gli uccelli, nelle femmine possono verificarsi disturbi di deposizione, come ad esempio impostazione cronicao problemi nella formazione del guscio d'uovo che causa pausadell'uovo nell'addome e conseguente peritonite.

L'impostazione cronica è complicata da gestire, si cerca di ridurre le ore di luce, allontanando la femmina dal maschio (senza vederlo o sentirlo), ma il più efficace è di solito un impianto ormonale che inibisce l'asse ipotalamo-ipofisi-gonade. Cioè, per fermare l'attività ovarica. Dura alcuni mesi, è variabile e richiede sedazione per il posizionamento, ma a volte è l'unico rimedio per questa pericolosa alterazione.

Le conseguenze di una distocia (impossibilità di esibirsi), a causa di un uovo eccessivamente grande o della rottura dell'uovo all'interno dell'addome a causa della debolezza del guscio, provoca peritonite o celomite quando parliamo di uccelli, il che implica un'urgenza in piena regola e dalla quale pochi uccelli riescono a riprendersi.

Come segni, possiamo osservare gonfiore, anoressia, apatia, letargia. tutti molto aspecifici e che richiedono un esame da parte del nostro veterinario per determinare la loro origine e trattarli correttamente, sebbene la prognosi in questi casi non sia molto favorevole.

Questo articolo è puramente informativo, su ExpertAnimal.com non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti veterinari o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Malattie più comuni dei parrocchetti australiani, ti consigliamo di accedere alla nostra sezione Prevenzione.

10 malattie dei parrocchetti australiani

Come qualsiasi altro uccello, i parrocchetti australiani sono attaccati dalle malattie più comuni. Queste malattie sono generalmente correlate al tipo di cibo e all'ambiente in cui si trovano. Anche la relazione che hanno con altri uccelli che potrebbero trasmettere una malattia in qualsiasi momento è importante.

Questa è una malattia comune a tutti gli uccelli e anche agli umani. Ciò è causato dalla mancanza di abbastanza iodio. Ciò che aumenta la ghiandola tiroidea e finisce per cambiare la voce dei parrocchetti in una voce povera e profonda.

Esistono molti tipi di tumori a cui un parrocchetto è vulnerabile. Molti di loro possono essere seri in ogni fase. Alcuni dei tumori più comuni sono tumori grassi, nei reni, tumori surrenali e tumori testicolari, tra molti altri.

7.- Febbre da parrocchetto australiana

È una delle malattie dei parrocchetti australiani. È grave perché può essere trasmesso agli adulti. Una volta che si verifica questa malattia, il parrocchetto viene isolato in uno spazio privato in modo da non infettare il resto dei parrocchetti e gli umani che non sono consapevoli di avere questa malattia.

9.- Malattia psitaciforme del becco e delle piume

Ciò provoca una cattiva formazione delle piume e della coda di volo (spesso in combinazione con poliomavirus). Gli uccelli colpiti sono spesso indicati come scalatori perché non hanno piume di volo e quindi non possono volare. Questa è un'altra delle malattie dei parrocchetti australiani.

10.- Ipertrofia marrone cera.

È uno squilibrio ormonale dei parrocchetti femminili più anziani. Può essere paragonato a un raffreddore sulla superficie delle mucose e si verifica in molti tipi di malattie croniche. Apparentemente non è causato da un'infezione locale. Idealmente, il trattamento prevede la ricerca e il trattamento della causa sottostante. La cera dovrebbe anche essere trattata raccogliendo il materiale accatastato e applicando una piccola lozione oleosa.

Cosa fare quando il tuo parrocchetto australiano è malato?

Ora che conosciamo alcune delle malattie dei parrocchetti australiani, dobbiamo sapere cosa fare quando si verificano. Conoscere alcuni punti di interesse su come trattare un parrocchetto malato.

I pappagallini tendono a nascondere il fatto di essere malati. Quando noti che il tuo animale domestico non si sente bene, è molto probabile che abbia combattuto una malattia per un po '. Ed è sicuramente diventato qualcosa di così avanzato da non poterlo più nascondere.

È importante riconoscere il sintomi in modo da poter aiutare il tuo piccolo amico in tempo. I sintomi che dovrebbero scatenare la tua preoccupazione sono problemi respiratori, naso secco o infiammato, piume anomale o sanguinanti. Inoltre, se lo vediamo cadere per primo, letargico, debole e incapace di posarsi. Vomito, perdita di peso, grumi rilevabili o gonfiore e secrezione di occhi, becco o naso possono essere osservati.

Questi sono tutti segni di una malattia critica e dovresti vedere immediatamente un veterinario. Sintomi come la perdita> Un sintomo che si manifesta nei parrocchetti maschili è un cambiamento nel colore della cera, il naso, dal blu al marrone, che potrebbe essere un segno di cancro ai testicoli.

Calore e umidità

Gli uccelli hanno un metabolismo veloce, spendono molta energia e risorse che mantengono la temperatura corporea intorno ai 104 gradi Fahrenheit. Mantenere il tuo parrocchetto malato con un calore tra 85 e 90 gradi, aiuterà a liberare risorse dal tuo corpo per combattere le malattie. Ma dovresti guardare da vicino e abbassare il calore se sembra troppo caldo.

Una volta che stai meglio, abbassa la temperatura a poco a poco, circa 5 gradi al giorno, fino a tornare alla temperatura ambiente. Per le malattie respiratorie, è importante fornire all'umidità un vaporizzatore o un umidificatore. Se nessuno di questi è disponibile, posiziona la gabbia nel bagno ed esegui una doccia a vapore con acqua calda in tutto lo spazio.

Non dimenticare di sapere quali colori vedono i gatti

Alimenti e liquidi

Un parrocchetto malato non può bere più acqua del suo corpo mentre è malato. Per evitare che i tuoi si disidratino, usare una siringa, un contagocce o un dito per somministrare liquidi regolarmente. Puoi usare soluzioni elettrolitiche per i bambini in quanto sono una buona opzione. Come succo di mela, succo d'uva o acqua bollita addolcita con un po 'di miele.

Evita Gatorade a causa del suo alto contenuto di sale. Assicurati che continui a mangiare durante la sua malattia, anche se deve dargli da mangiare a mano o con la forza attraverso una siringa. Senza un'alimentazione regolare, un uccello malato può morire di fame in breve tempo.. I migliori alimenti per un uccello malato dovrebbero essere facili da digerire e ricchi di carboidrati, come alimenti per bambini o cereali per riso per bambini.

Riposo e recupero

Fornisci al tuo parrocchetto malato pace e tranquillità. Fai il possibile per facilitare il riposo. Puoi posizionare la gabbia in una stanza tranquilla e rimuovere i tuoi giocattoli e tutto ciò su cui puoi arrampicarti. Se condividi la gabbia con un altro uccello, mettila in una gabbia separata e isolata durante la tua malattia. Mantieni la tua stanza nell'oscurità e limita l'attività il più possibile.

Se il veterinario prescrive antibiotici o altri farmaci, assicurati di prendere il trattamento completo, anche dopo che sembra stare meglio. Proprio come gli uccelli cercano di nascondere la loro malattia all'inizio, cercheranno anche di apparire meglio verso la fine. Anche se hanno ancora bisogno di tempo per guarire. Per questo motivo, quando riporti il ​​tuo parrocchetto alla sua normale routine, tienilo protetto.

Fondamentalmente, molte malattie possono essere evitate fornendo un'alimentazione adeguata al parrocchetto e un ambiente pulito.

Video: Alimentazione e piumaggio del pappagallo (Dicembre 2019).