Animali

5 malattie canine più comuni trasmesse da zecche

Le zecche, piccoli parassiti che aderiscono alla pelle degli animali per nutrirsi delle sostanze che ospitano il sangue, possono trasmettere molte malattie. Qui ti presentiamo i cinque più comuni che possono influenzare il tuo partner.

21/08/2018 | Scrittura JyS

1. Malattia di Lyme o borreliosi

Trasmesso dal morso di una zecca di cervo (Ixodes ricinus), che si trova solo nel nord della penisola poiché richiede molta umidità e una temperatura media di 12 ºC, i sintomi di questa malattia vanno da dolori articolari, letargia, diminuzione dell'appetito alla febbre, sebbene il più caratteristico È la zoppia intermittente che di solito cambia da un arto all'altro, il carpo è l'articolazione più colpita. I segni di infezione possono richiedere mesi per apparire. Va notato che nei cani non c'è eruzione cutanea nell'area del morso, come se si verificasse nell'uomo.

2. Anaplasmosis

È trasmesso dalle zecche del genere Ixodes e Dermacentor. Questa malattia colpisce soprattutto la milza, il fegato, i reni, il sistema linfatico, le articolazioni e il sistema nervoso. I sintomi variano da apatia e mancanza di appetito nei casi più lievi a febbre, linfonodi ingrossati, problemi muscolari e respiratori. Anaplasma Infetta le piastrine del cane, quindi causerà sintomi legati alla mancanza di coagulazione del sangue, comparsa, sangue nelle feci, urina e naso.

3. Ehrlichiosi

È una delle malattie più comuni dopo un morso di zecca. È trasmesso dal segno di spunta marrone del cane Rhipicephalus sanguineus, distribuito in gran parte della Spagna e causato dai batteri Ehrlichia canis. I sintomi sono febbre, mancanza di appetito, perdita di peso, depressione, lacrimazione, problemi respiratori, alterazioni del sistema linfatico che causano aumento dei nodi o sangue dal naso. Questi sintomi possono richiedere del tempo per apparire.

4. Babesiosi

La babesiosi è prodotta da Babesia canis che viene trasmesso in Europa dal segno di spunta canino marrone, Dermacentor reticulatus e Ixodes canisuga, i due noti come zecche di cane. Questa malattia si manifesta principalmente nei caldi mesi primaverili ed estivi.

La babesiosi può verificarsi in modo acuto o cronico:

- Forma acuta: Dopo dieci o venti giorni dopo l'ingresso dei batteri, il cane ha la febbre (fino a 41 gradi), mancanza di appetito, diarrea, vomito, problemi respiratori e apatia.

- Forma cronica: febbre intermittente, marcata perdita di peso, disturbi epatici (ittero), milza ingrossata, anemia e persino morte per shock.

La prognosi della babesiosi è grave. Il cane deve essere curato in tempo perché, in caso contrario, può morire a causa di insufficienza epatica e renale. Questa malattia attacca soprattutto cuccioli e animali malati o convalescenti.

5. Epatozoonosi

È una malattia causata da protozoi, il Canis epatozoo nel caso dell'Europa, e viene trasmesso dal segno di spunta Rhipicephalus sanguineus. I casi più frequenti si verificano in primavera e in estate. Di solito è associato a cattive condizioni igieniche e in campioni con carenze nutrizionali del sistema immunitario compromesso.

La trasmissione della malattia si verifica dopo l'ingestione di zecche parassitate dal cane, non dai morsi. La zecca ingerita raggiunge il sistema digestivo del cane, gli agenti responsabili dell'epatozoonosi attraversano l'intestino del cane e vanno al fegato, ai gangli e alle ossa.

Gli animali possono non avere sintomi o avere febbre, letargia, anemia, perdita di peso, dolori muscolari e paralisi. Ci possono anche essere sintomi digestivi e respiratori.

shutterstock.com / Dmitry Kalinovsky

Il trattamento di queste malattie si basa sulla somministrazione di antibiotici per un periodo da tre a quattro settimane. Per la babesiosi e l'epatozoonosi viene utilizzato l'imidocarb iniettabile per uso veterinario. La prognosi della cura della malattia dipende dalla virulenza del microrganismo e dalla forza del sistema immunitario del cane e dalla sua capacità di sconfiggere la malattia. Prevenire la trasmissione di malattie trasmesse da zecche è relativamente facile se si utilizzano collari di prevenzione, trattamenti antiparassitari liquidi o compresse che possono essere acquisiti e raccomandati da qualsiasi veterinario.